Con Mina in Jazz si chiude il ciclo musicale di Strade Maestre

Leggi tutto: https://wp.me/p6UXZC-3F3MINA IN JAZZviaggio con @Domy Siciliano e luigi botrugnoo nel mondo della grande artistaspecial guest Andrea Sabatino Musicultimo appuntamento con la rassegna musicale di #StradeMaestre

Pubblicato da InOnda WebTv su Sabato 12 maggio 2018

Giovedì 12 aprile si è svolto il sesto e ultimo appuntamento per la rassegna musicale curata da Eraldo Martucci e Maria Altomare Agostinacchio (Associazione Festinamente) nell’ambito di STRADE MAESTRE 2017-2018. In scena MINA IN JAZZ un progetto accattivante, dedicato alla grande star cremonese per reinterpretare, in chiave jazz, i suoi più grandi successi.

“Mina è la più grande cantante bianca del mondo” afferma, a metà degli anni Sessanta il mitico Louis Armstrong e sembra fargli eco la non meno leggendaria Sarah Vaughan, più o meno nello stesso periodo, durante il 1968, quando afferma: “Se non avessi la mia voce vorrei avere quella di una giovane ragazza italiana di nome Mina”.
Mina resta tra le maggiori interpreti di musica leggera di ogni tempo, ma risulta altresì una jazz singer sui generis, con risultati sempre convincenti. Agli inizi della sua carriera c’è già del jazz, fin dal primo autentico album Mina (1964), registrato tutto assieme e non come raccolta di singoli, dove si ascoltano sei grandi jazz standard.
Ma anche a due anni appena dal debutto, in particolare nel 1960, dagli archivi radiofonici salta fuori Begin The Beguine (classico swing) che intona in italiano, mentre al festival di Sanremo di quell’anno presenta Invoco te, con musiche di Glauco Masetti (sax tenore bebop) e parole di Gian Carlo Testoni (allora direttore del mensile Musica jazz).

Del resto, a scoprire la diciottenne Mina è ancora un jazzista, Giulio Libano.

E proprio partendo da queste considerazione che nasce lo spettacolo MINA IN JAZZ. Un viaggio musicale che ha visto protagonista il duo formato da Domy Siciliano alla voce e Luigi Botrugno al pianoforte. Special guest Andrea Sabatino alla tromba.

Il progetto del duo dura da un decennio e nasce dall’idea di rileggere parte del repertorio di Mina in chiave jazz. Tra gli altri brani ci saranno Grande grande grande, E se domani, Nessuno, Parole Parole, ma anche standard del repertorio jazzistico come In the mood e Mister Paganini.

L’appuntamento rientra in STRADE MAESTRE 2017-2018, la stagione teatrale promossa da Koreja realizzata con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Puglia Assessorato Industria Turistica e Culturale – FSC Fondo per la Coesione 2014-2020, Piiil Cultura in Puglia; Partner Provincia di Lecce, Istituto di Culture Mediterranee, Comune di Lecce e Distretto Produttivo Puglia Creativa. E con il contributo di Adisu Puglia e Candido Vini.

Pubblicato da InOnda WebTv su Sabato 21 aprile 2018

Guarda le foto su Facebook

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *