Si muove la società civile per cercare uno dei massimi riconoscimenti mondiali per l’habitat naturale e le testimonianze artistiche della terra salentina, quello dell’UNESCO. Scendono in campo, infatti i Lions ad iniziativa del Club di Maglie, presieduto da Raffaele Cazzetta ed il Centro Studi Teknè di Lecce presieduto da Toti Carpentieri.

Mercoledì 25 Novembre 2015, nei Saloni delle OFFICINE CANTELMO Viale De Pietro – Lecce, si sono riuniti amministratori, esperti, studiosi, docenti universitari per illustrare le modalità più efficaci al fine di presentare nel migliore dei modi il Barocco e l’intero habitat del Salento per ottenere il riconoscimento di questa terra come Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO. In questo modo si è inteso  fornire un’ulteriore valorizzazione alle caratteristiche irripetibili e fondanti che sono unanimemente riconosciute come un unicum da quanti la visitano.

Ad illustrare il percorso il dott. Raffaele Cazzetta, Presidente del Distretto Lions Club Maglie, il Prof. Avv. Raffaele Coppola dell’Università degli studi di Bari “Aldo Moro” e Magistrato Vaticano, la Dr.ssa Tatiana Kirova,Università di Torino – Membro permanente del CIVVIH – ICOMOS dell’UNESCO e Paolo Perrone, Sindaco di Lecce.

#lecce #salento #puglia #officinecantelmo #lionsmaglie #lions #ulivisecolari #salentoterapia #cultura

Pubblicato da InOnda WebTv su Mercoledì 25 novembre 2015