Nella festività di Santa Cecilia, patrona della musica, dei musicisti e dei cantanti, al Politeama Greco di Lecce si terrà il primo di sedici appuntamenti con la grande musica che animeranno la vita culturale leccese grazie all’impegno esecutivo-interpretativo che sarà messo in campo, di volta in volta, da assai qualificati artisti attivi nell’alta formazione musicale accademica: due manifestazioni a cadenza mensile, nell’ambito del cartellone delle iniziative promosse dal Conservatorio “Tito Schipa” con l’etichetta “CONCERTI DEL CONSERVATORIO”, da novembre 2013 a tutto giugno 2014.

Per forte intendimento programmatico del neo eletto direttore, maestro SALVATORE STEFANELLI, la gloriosa Istituzione musicale leccese offre al pubblico una ricca e variegata serie di concerti di alto livello artistico affidati alle cure dei suoi più rappresentativi solisti ed ensemble, tra docenti e allievi talentuosi e meritevoli: per tutti, l’Orchestra Sinfonica, l’Orchestra di Fiati, il Coro degli Allievi, la Big Band, il Coro di Voci Bianche, il Coro Gregoriano, il Quartetto d’Archi e il Quartetto di Fiati.

Sentito omaggio a Giuseppe Verdi nel bicentenario della nascita, il concerto inaugurale dell’anno accademico e del cartellone dei “Concerti del Conservatorio” ha in programma celeberrime pagine lirico-sinfoniche tratte dalla letteratura vergata dalla straordinaria penna del grande musicista. A dar vita al suggestivo programma di musiche verdiane s’avvicenderanno sul palco i soprani RAFFAELLA LICCARDI, SILVIA SUSAN ROSATO FRANCHINI, VIRNA SFORZA e il baritono MAURIZIO PICCONI, affiancati e sostenuti dal CORO e dall’ORCHESTRA SINFONICA DEL CONSERVATORIO DI LECCE, rispettivamente diretti dal M° FRANCESCO MUOLO e dal M° GIOVANNI PELLEGRINI.

Tra le arie in programma, la veemente invettiva “Cortigiani, vil razza dannata” da Rigoletto (1851), l’aria di Leonora “D’amor sull’ali rosee” dal IV atto del Trovatore (1853), il toccante inno religioso “La vergine degli angeli” intonato dal coro, dalla voce solista di Leonora a chiusura del II atto della Forza del destino (1862), “La luce langue” dell’ambiziosa Lady, aggiunta da Verdi nel II atto dell’edizione francese del Macbeth (1865), la romanza “Ritorna vincitor!” dal I atto di Aida (1871). Tra le pagine sinfoniche, il preludio al I atto di Traviata (1853) che tratteggia le diverse sfaccettature del personaggio di Violetta, spensierata cortigiana e donna innamorata che si sacrifica in nome dell’amore, e le sinfonie d’apertura di Nabucco (1842), di Luisa Miller (1849) e dei Vespri siciliani (1855).

3 Stagione Concerti del Conservatorio 2013-2014

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *