La serata prosegue alle 22.00 con la sezione di short films & documentaries e l’incontro con Silmone Salvemini, regista di “Appunti da: l’approdo delle anime migranti“. A seguire, la proiezione del documentario che racconta la storia del relitto della motovedetta albanese Kater, protagonista della “Strage del Venerdì Santo” (nella quale il 28 marzo 1997 morirono 81 persone) e trasformata oggi in un’opera monumentale dedicata alla memoria di tutti i migranti periti in mare. ll documentario, realizzato con il sostegno e il contributo di Apulia Film Commission, rientra nella serie di iniziative culminanti con l’inaugurazione della prestigiosa scultura ideata dal grande maestro greco Costas Varotsos e dedicate al ventesimo anniversario dello sbarco albanese in Puglia e ad Otranto, nel suo porto millenario, emblema di accoglienza e solidarietà tra i popoli.
Originario di Brindisi, Salvemini, si avvicina alla cinematografia lavorando inizialmente come assistente alla regia nel film ’Sangue Vivo’ di Edoardo Winspeare (1999) e nella sit-com ‘Bradipo’ di Marco Pozzi (2001). Dal ’99 scrive, dirige e monta i suoi corti, tra cui ‘I Fratelli Semaforo’ (2002), ‘Tonino Funtò’ (2004), ‘Sguardi di Frontiera’ (2004), ‘Liturgia della Bancarella’ (2005), ‘L’Intervista’ (2009). Opere selezionate e riconosciute in numerosi festival nazionali e internazionali.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *