Otranto costa nord
Questa striscia di costa presenta tratti di scogliera ma anche spiagge sparse qua e là. Partendo dalla Riviera degli Haethei, che prende il nome dall’antico popolo proveniente dai Balcani, ci si imbatte nel Fascio, scoglio dalla singolare forma cubica dal quale i più coraggiosi fanno dei tuffi memorabili. In tale zona è presente un fortino.
Andando avanti, si scorge il Faro della Punta, detto anche Faro Bianco, dopo il quale ci si può abbronzare distesi sulla spiaggia Porto Craulo o, più avanti, sul lido Castellana dove, secondo la leggenda, l’eroina di Otranto, Idrusa, amava trascorrere intere giornate a contemplare le onde del mare. Proseguendo, ci si imbatte nel piccolo lido della Staffa e, successivamente, nell’incantevole insenatura chiamata Canale del Càfaro.
Otranto (Utràntu in dialetto locale, Derentò in greco salentino, Ὑδροῦς in greco classico, Hydruntum in latino) è un comune italiano di 5.548 abitanti della provincia di Lecce in Puglia.
Situato sulla costa adriatica della penisola salentina, è il comune più orientale d’Italia: il capo omonimo, chiamato anche Punta Palascìa, a sud del centro abitato, è il punto geografico più a est della penisola italiana.
Dapprima centro messapico e romano, poi bizantino e più tardi aragonese, si sviluppa attorno all’imponente castello e alla cattedrale normanna. Sede arcivescovile e rilevante centro turistico, ha dato il suo nome al Canale d’Otranto, che separa l’Italia dall’Albania, e alla Terra d’Otranto, antica circoscrizione del Regno di Napoli. Nel 2010 il borgo antico è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio testimone di una cultura di pace. Fa parte del club I borghi più belli d’Italia.
Video realizzato da Claudio Giannetta

www.otranto.inonda.le.it

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *